Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dei denti è una pratica sempre più richiesta da parte dei pazienti. In relazione alle esigenze del paziente, il trattamento può essere fornito in modalità professionale o domiciliare. Entrambe implicano l’applicazione di sostanze sbiancanti (perossido d’idrogeno o di carbamide) sotto forma di gel, che viene attivato rendendo disponibile il principio attivo sulla superficie del dente, la differenza sta nei tempi di esposizione e nelle concentrazioni del gel, pertanto nelle sedute professionali sono utilizzati gel ad alta concentrazione per tempi relativamente brevi attivati da una sorgente esterna. Viceversa nel caso del trattamento domiciliare viene fornita una mascherina personalizzata che dovrà essere indossata per diverse ore (in genere la notte per comodità) previa applicazione al suo interno del gel (a concentrazioni inferiori) da parte del paziente stesso.

E’ importante sottolineare che il termine “sbiancamento” è improprio, in quanto il colore dei denti naturali presenta moltissime variazioni tra da individuo a individuo, per cui il risultato dell’utilizzo di queste sostanze dipenderà dal punto di partenza. Sarebbe pertanto più corretto parlare di “schiarimento”, in quanto il colore tipo “lavandino” è ottenibile solo con l’utilizzo di corone o faccette estetiche.

Tre7
Simone Ferraro
Share by: